Out of Stock

Tavolette

3,50

Le nostre tavolette sono fatte di solo due ingredienti: fave di cacao e zucchero, e già dal primo morso inizia il viaggio, che ti porta nel territorio di origine.

Descrizione

-Colombia, Huila

Nel 2018 abbiamo avuto il piacere di visitare queste piantagioni colombiane, di conoscere i volti che ci sono dietro questo fantastico cacao.

Questo cacao è un ibrido colombiano molto antico che regala delle complessità aromatiche tutte da scoprire

Profilo aromatico: ibisco, uva fresca, agrumi, tabacco.

Provenienza: Colombia, Regione del Huila nella provincia di Gigante, sud-ovest della Colombia.

-Perù Gran Cilique

Gran Chililique, questo cacao ultra premium cresce sulle colline Chililique in Perù nella regione del Piura.

Una piccola comunità di contadini della zona, composta da 52 famiglie, si prende cura di questo fantastico cacao.

Circa la metà di questa comunità sono donne, quindi siamo fieri di dirvi che mangiando questa gustosa tavoletta stai sostenendo l’uguaglianza di genere.

Sostenere l’uguaglianza di genere.

Profilo aromatico : Livello di acidità medio, sentori di frutti tropicali dolci, di frutta fresca come l’ananas e retrogusto di macadamia tostata.

Provenienza: Perù, Piura.

-Sao Tomè 

isola dell’Africa occidentale, dove si coltiva cacao da centinaia di anni, portato lì dal Brasile durante il regime portoghese, padre di tutti i cacao dell’Africa dell’ovest.

Profilo aromatico: legno, tabacco, cioccolato.

Provenienza: São Tomé e Príncipe.

-Sierra Leone

Il cacao della foresta pluviale è prodotto dalle popolazioni che vivono intorno al Parco Nazionale “Foresta della Gola”, seguito da una fondazione che opera per la difesa delle foreste nel Paese africano.

Il Parco è stato dichiarata riserva protetta 7 anni fa per proteggere uno dei più ampi tratti rimasti di foresta guineana in Africa Occidentale.
Il parco copre un’area di più di 70mila ettari ed è riconosciuto a livello mondiale come bacino della difesa della biodiversità.

Dopo la guerra civile molti campi di piccoli produttori sono stati abbandonati. Attraverso la formazione di 122 tecnici è stata diffusa la coltivazione agroforestale all’interno della quale il cacao è un elemento importantissimo in mezzo ad alberi ad alto fusto per ombreggiamento, alberi per l’arricchimento organico del terreno e ananas, peperoncini, tuberi di diverso tipo per la vendita nei mercati locali. Tale coltivazione permette di ottenere una resa di qualità e una coltivazione variegata. La raccolta viene effettuata solo a completa maturazione e il cacao viene fermentato in ceste da 60kg di rattan quindi completamente sostenibili. La fermentazione viene seguita dai tecnici e si conclude in 6-7 giorni. Questa tecnica di fermentazione con piccole quantità permette di ottenere livelli di ottima fermentazione superiori all’80%.

Profilo aromatico: ricco di pastosità, rotondo e cremoso. Le note di erbaceo si confondono nella struttura lipidica del prodotto. Una dolcezza piacevole che lascia pulizia palatale al termine della degustazione. Cacao equilibrato e piacevole con note di caffè importanti e
venature di banana.

Provenienza: Sierra Leone Foresta pluviale di Gola, area a cavallo del confine con la Liberia, ultima foresta vergine del paese.

-Tanzania, Mbingu

Nel 2012, due uomini con lo stesso sogno e la stessa visione si sono incontrati in Tanzania, il Paese dell’oriente africano noto per le sue vaste aree naturali. Brian LoBue e Simran Bindra avevano entrambi girovagato per i campi di cacao della

Tanzania nelle precedenti occupazioni e notato che il terreno aveva molto da offrire: la combinazione di un ambiente di coltivazione diversificato, una genetica forte e fave di cacao che avrebbero potuto dare frutti egregi con maggiore cura e attenzione.

Dopo aver incontrato gli agricoltori locali, nei villaggi della Valle della regione di Morogoro, Kokoa Kamili venne allestita in un piccolo villaggio chiamato

Mbingu, al confine con il mozzafiato Udzungwa Mountain National Park.

Questa zona offre rifugio a una vasta gamma di animali, tra cui branchi di elefanti di montagna, una grande varietà di flora e di altre colture come il riso, il mais e le banane. Il fiume a valle e il deflusso dagli altipiani protetti offrono tutta l’acqua necessaria per un periodo secco di 7-8 mesi.

In questo paradiso Kokoa Kamili ha creato, in breve tempo, una comunità di coltivatori molto felice, aiutandoli a capire l’importanza di un buon ambiente per ottenere un cacao premium. Tra i coltivatori ci sono le

Mbingu Sisters: un convento nel villaggio che gestisce una fattoria di 30 ettari di cacao. Il reddito dalla loro fattoria va a sostenere molte attività di beneficenza svolte dalle sorelle, tra cui la gestione di un ospedale, una scuola e un orfanotrofio nella zona.

Profilo aromatico: Passion fruit, tamarindo, frutta a guscio.

Provenienza: Tanzania, Kilombero Valley – Mbingu